Ti trovi in: Panda Security > Home Users > security-info > classic-malware > Trojans
Virus

Trojan 

Gli effetti dei Trojan possono essere veramente pericolosi, se si prende in considerazione la loro evoluzione negli ultimi anni. Qui di seguito puoi trovare tutte le informazioni a riguardo.

Che cosa sono i Trojan?

Il principale obiettivo di questo tipo di malware è quello di installare altre applicazioni sul computer infetto, affinchè possa essere controllato da altri computer.

I Trojan non si diffondono da soli. Come suggerisce il loro nome, come gli astuti Greci durante l'attacco a Troia, questi codici dannosi raggiungono i computer sottoforma di un programma apparentemente innocuo, che, in molti casi, quando viene eseguito rilascia un secondo programma, il Trojan stesso.

Attualmente la percentuale di traffico malware rappresentata dai Trojan nel mondo è pari a: Worm: 14.04%

Che cosa fanno?

Gli effetti dei Trojan possono essere altamente pericolosi. Come i virus, possono distruggere file o informazioni sui dischi rigidi. Possono anche catturare e inoltrare informazioni riservate a un indirizzo esterno o aprire porte di comunicazione, consentendo a un intruso di controllare il computer in remoto. Inoltre possono catturare ciò che viene digitato sulla tastiere o registrare le password inserite dagli utenti. Date tutte queste caratteristiche, vengono spesso utilizzati dai cybercriminali, per esempio, per sottrarre informazioni bancarie riservate.

Evoluzione

I Trojan sono stati inizialmente progettati per causare più danni possibili sul computer compromesso. Sono stati progettati per formattare i dischi o eliminare i file di sistema, nonostante non fossero molto notati, perchè all'epoca i creatori di malware cercavano di causare epidemia diffuse e i Trojan non si potevano diffondere da soli. Un esempio era Autorooter.

Negli ultimi anni, a causa del massiccio utilizzo di Internet, la tendenza è cambiata e i cybercriminali hanno compreso la possibilità di utilizzare questo tipo di malware per sottrarre informazioni bancarie, username e password, informazioni personali, ecc. In effetti, ciò ha portato alla creazione di nuove categorie di malware: i Trojan bancari e lo Spyware.

All'interno della categoria dei Trojan bancari, un esempio che è stato molto attivo di recente è Trj/Sinowal, un kit venduto su alcuni forum russi che consente all'acquirente di creare Trojan bancari su misura per lanciare un attacco.

Nei PandaLabs abbiamo assistito a un aumento preoccupante nella produzione di Trojan banacari, come illustrato nel seguente grafico. Al momento, il 70% di tutto il malware che riceviamo al laboratorio è costituito da Trojan..



Come proteggersi?

Per proteggersi dai tipi di malware onnipresenti, offriamo una serie di consigli pratici: